Pignoramento nullatenente: come fare e cosa serve

Pignoramento nullatenente: come fare e cosa serve

Se una somma di denaro non è corrisposta entro i termini stabiliti, il creditore può procedere con il pignoramento di determinati beni del debitore. Attraverso un’ingiunzione l’ufficiale giudiziario può inizialmente chiedere come garanzia alcune proprietà del soggetto, in modo da spingere l’inadempiente a saldare il debito, allo scopo di evitare il probabile successivo esproprio. Nei casi in cui il debitore viene considerato nullatenente, il creditore ha comunque strumenti per agire: è possibile infatti effettuare indagini per conoscere la reale situazione reddituale dell’insolvente, così da poter successivamente agire per il pignoramento a nullatenente.

Debitore nullatenente: cosa significa

L’art. 2740 del codice civile italiano stabilisce che un soggetto ha l’obbligo di rispondere ai propri debiti con ogni bene presente e futuro. Ma cosa accade se si tratta di nullatenenti? Innanzitutto, è bene ricordare che il termine “nullatenente” non è giuridico e non è presente in alcun tipo di legge.

La parola viene nel linguaggio corrente ed indica soggetti che non hanno lavoro retribuito, non percepiscono alcun reddito e non posseggono alcun bene. Questa eventualità rende impossibile per motivi materiali l’atto di pignoramento. Un altro caso in cui un soggetto è considerato nullatenente è quando non è titolare di redditi pignorabili, come pensionati che percepiscono pensioni al di sotto della soglia minima. Inoltre la legge stabilisce dei beni che seppure in possesso del debitore, non sono pignorabili; anche in questi casi si è considerati nullatenenti

Il nullatenente è quindi un soggetto che risulta in possesso di niente all’interno delle principali banche dati alle quali il creditore può accedere. In queste eventualità per il creditore è impossibile avere la meglio sul debitore ed al massimo può attendere che quest’ultimo possa iniziare a lavorare oppure percepire un’eredità, prima che si arrivi al termine dei tempi di prescrizione. I soggetti realmente nullatenenti però sono davvero rari.

La maggior parte delle volte infatti, alcune persone occultano le proprie disponibilità, intestando i propri averi a terzi, i cosiddetti “prestanome”, in modo da eludere la legge. Va specificato che questi stratagemmi raramente sfociano in reato, ma sono comunque considerati illeciti civili e che quindi possono comunque giustificare pignoramenti e/o risarcimenti danni. È compito quindi dell’agenzia investigativa effettuare indagini per recupero crediti, al fine di risalire alle effettive proprietà del debitore, individuando le tracce di eventuali spostamenti di beni.

Recupero crediti nullatenente: come ricercare i beni

Come già anticipato, essere nullatenenti non esclude da azioni di pignoramento: il creditore può infatti allungare i tempi di prescrizione, inviando una diffida di pagamento prima che si arrivi alla scadenza dei 10 anni canonici; inoltre i debiti possono essere tramandati agli eredi che hanno accettato l’eredità a meno che questi ultimi non sia considerati a loro volta nullatenenti.

Proprio per questo motivo è molto importante avvalersi di professionisti che possano fornire un supporto nel recupero informazioni relative alle reali condizioni economiche del debitore in modo da poter studiare una strategia per il recupero del credito. Come spiega Andrea Sciangola – Sales Manager di Inside Intelligence & Security Investigations: “per ottenere riscontri oggettivi è necessario far ricorso ad interventi professionali, di carattere tecnico specialistico. Queste attività devono essere sempre svolte nel rispetto delle norme e delle giurisdizioni competenti in materia. L’attività investigativa si concentra su di un soggetto fisico o giuridico ed include, una volta conclusasi la fase operativa, la consegna di un dossier investigativo, ossia un documento tecnico all’interno del quale sono riportate le notizie riguardanti l’obiettivo di riferimento. Questi riscontri possono poi essere utilizzati in diversi modi, a seconda degli obiettivi prefissati inizialmente dal mandante delle verifiche.”

Più nello specifico, alcune particolari notizie economiche e patrimoniali possono essere rilevate anche dal sopralluogo e dalla raccolta di informazioni in loco a mezzo di intervista investigativa, come previsto dall’art. 5 del DM 269/2010. Deve essere verificato che il debitore non abbia un posto di lavoro retribuito oppure una pensione; così come il possesso di un’autovettura, oppure altri veicoli intestati.

Più spesso però l’intervento dell’investigatore privato è necessario per rilevare alcune incongruenze che consentono di individuare proprietà nascoste da parte del debitore.

Il nullatenente potrebbe aver trasferito i beni attuando un’alienazione degli immobili a favore di coniuge o figli. Vanno quindi ricostruiti tutti i passaggi di proprietà attraverso la visura ipotecaria storica: qualora il nullatenente avesse effettuato una donazione negli ultimi 5 anni, il creditore potrà revocare la donazione stessa e pignorare il bene.

Un’ulteriore verifica va effettuata nel caso il debitore sia sposato per accertare se si trova in regime di comunione di beni: in tal caso il creditore avrà la possibilità di pignorare il 50% dei beni appartenenti al coniuge. Nel caso invece il nullatenente risulti divorziato va verificata la sua residenza per rilevare una possibile convivenza ancora in atto. In caso contrario si può ipotizzare la una eventuale separazione simulata. Se il debitore è in affitto si può effettuare un pignoramento mobiliare supponendo la proprietà degli oggetti e gli arredi.

Va verificata la presenza di conti correnti intestati in Italia, ma anche la possibilità che il debitore nullatenente possa nascondere i propri beni in conti correnti presso banche straniere oppure su carte prepagate, anch’esse pignorabili, così come eventuali polizze assicurative.

È necessario accertarsi che il debitore non abbia fatto rinuncia di eredità per evitare il pignoramento. In tal caso vanno dimostrate le motivazioni della rinuncia, in modo da poterla impugnare da parte del creditore.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Compila il form e ricevi subito la Brochure!

Hai bisogno di Assistenza?

Puoi chiamarci al numero verde gratuito +800 9001 9001 oppure compilare il seguente form e ti richiameremo noi gratis nel più breve tempo possibile!

Assistenza Clienti Lun. - Ven. ore 09:00 - 18:30